bonifico per ristrutturazione

 

Il bonifico per ristrutturazione è diventato una sorta di incubo per chi vuole godere delle detrazioni fiscali. Servono precisione e molta attenzione sia per compilarlo, sia per emetterlo. Se anche te sei preso dalla paranoia di poter incappare in qualche errore e di veder sfumata la possibilità di ottenere il rimborso delle spese, niente paura! Continua a leggere e vedrai che alla fine ne uscirai vincitore.

Il bonifico parlante per la ristrutturazione: cos’è e come compilarlo

Si definisce bonifico parlante perchè, per ottenere accesso alle agevolazioni fiscali, deve riportare una causale precisa e deve contenere tutta una serie di informazioni senza le quali ti puoi giocare la restituzione delle spese. Esso può provenire da conto corrente bancario o da un conto corrente postale.

3 sono gli elementi fondamentali per compilare correttamente il bonifico per le agevolazioni fiscali

  • La dicitura per il bonifico della detrazione 50 da indicare nella causale è la seguente: “bonifico per lavori di ristrutturazione ai sensi dell’art. 16-bis del D.P.R. 917/1986“. Ti consiglio di inserire anche la data e il numero della fattura che stai pagando, in modo da rendere ancora più chiaro il collegamento tra il movimento bancario e il documento a cui si riferisce;
  • Il codice fiscale, nome e cognome di chi richiede la detrazione per lavori di ristrutturazione edilizia. Se l’immobile è in comproprietà, vanno indicati nominativo e codice fiscali di tutti i proprietari. Se invece i lavori riguardano parti comuni condominiali, nel bonifico vanno indicati il codice fiscale dell’amministratore e del condomino.
  • Il codice fiscale o partita iva dell’ azienda che si presterà ad effettuare i lavori.

Ci tengo a specificare che la dicitura indicata in questo elenco riguarda i lavori di ristrutturazione edilizia. Se devi fare un bonifico per opere che vanno a migliorare l’efficenza energetica della tua casa, allora la causale è diversa. Mi raccomando, fai attenzione a queste differenze.

Bonifico ristrutturazione online: mi permette di avere la detrazione?

Il bonifico per le spese di ritrutturazione può essere effettuato online, salvo che la banca metta a disposizione il servizio classico di “home banking”. Nella compilazione online, vanno inserite tutte le informazioni appena citate. Il pagamento online, se contiene tutti gli estremi necessari per aver diritto alle agevolazioni fiscali, ha lo stesso valore del bonifico cartaceo effettuato presso lo sportello della banca.

Attenzione al dispositivo che utilizzi per effettuare il bonifico per la detrazione 50: tutti i campi devono essere presenti e compilati

Ti consiglio caldamente di effettuare il bonifico utilizzando il computer e non lo smartphone. E’ importante che tutti i campi siano compilati nel modo corretto. Molto spesso, le app delle banche per i dispositivi mobili non permettono di inserire tutte le informazioni necessarie per effettuare un bonifico idoneo alla detrazione 50. Se noti che da smartphone non sai dove inserire certe informazioni, fermati subito, apri il computer e ricomincia da capo. Se vedi che nemmeno da pc è possibile inserire tutte le informazioni richieste, allora devi inviare quei dati alla banca, in modo tale che abbia quanto richiesto dalla Legge per farti ottenere il rimborso sui lavori di ristrutturazione. Questo è importantissimo: se nel bonifico telematico non risultano tutte le informazioni richieste dalla Legge, potresti non essere idoneo alle agevolazioni fiscali.